Il Museo Tattile Statale Omero in collaborazione con l'associazione Ankon Cultura presenta una due giorni di approfondimento sul tema "La scultura tattile" a cura di Leandro Sperduti.

Due incontri dedicati interamente alla scultura il cui termine proviene dalla parola latina "sculpĕre", che significa grattare, raschiare, incidere ed ha rappresentato sin dall'inizio della storia dell'umanità una delle Arti nobili. L'argomento riguarderà la creazione di figure tridimensionali ad opera di artisti che hanno utilizzato molteplici tecniche e materiali.

La Forma dell'Arte
Lunedì 22 ottobre ore 18 - ingresso libero

L'evoluzione formale dell'arte figurativa e della scultura in particolare attraverso i secoli dell'antichità, in una continua ricerca della perfezione naturalistica, dalla Grecia Arcaica alla Tarda Romanità; dalla fissità dello stile detto "severo" alla "conquista dello spazio" e della volumetria dell'ellenismo.

Come gli artisti "toccavano" le loro opere
Martedì 23 ottobre ore 18 - ingresso libero

Il rapporto dei grandi maestri dell’arte non è solo "forma" né estetica; quasi tutti gli scultori, fin dall'antichità, ebbero con i loro capolavori un rapporto assolutamente "tattile" e per questo alcuni scelsero l'uso della terracotta o della bronzistica, plasmando le loro opere a mani nude.
Perfino coloro che lavorarono il marmo, però, non rinunciarono a questo legame e per questo elaborarono tecniche per "sentire" la pietra.

Visita guidata ore 17

Visita guidata al Museo a cura di Leandro Sperduti e Annalisa Trasatti. Posti limitati. Prenotazione obbligatoria.
Costo: 4 euro a persona, gratuito disabili e accompagnatori.

Museo Tattile Statale Omero, Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio 28, 60121 Ancona
tel 071 28 11 93 5
email info@museoomero.it
#museoomero

Scarica il documento: